TRABUCCO

Contattaci

Servizio clienti disponibile 24/7.

Telefono:0941526416 - 3887680382 - info@pescaesub.biz

Contatta il nostro servizio clienti!

Informazioni

Follow us on facebook

Produttori

Prodotti visti

TRABUCCO CANNA DEYLAN SEA POWER

TRABUCCO DEYLAN SEA POWER Visualizza ingrandito

Nuovo prodotto

Lunghezza 3.00 - Getto del peso 400g

Maggiori dettagli

5 Articoli

67,00 € tasse incl.

TRABUCCO CANNA DEYLAN SEA POWER

Con il termine di bolentino vengono chiamate una serie di tecniche che si praticano da una imbarcazione ed a una certa distanza dalla costa, utilizzando canna e mulinello. Queste tecniche puntano alla cattura di prede che comunemente non si avvicinano alla costa, oppure risultano di più facile cattura su fondali profondi ed, infine, ad insidiare specie costiere utilizzando un’imbarcazione.


Le tecniche a bolentino vengono distinte in 3 categorie principali:
– Bolentino costiero
– Bolentino di medio fondale
– Bolentino di profondità

Questa distinzione, viene data dalla profondità del fondale su cui si pratica e richiede attrezzature, esche e terminali diversi. A bolentino, come nella traina, l’imbarcazione condiziona pesantemente le tecniche di pesca utilizzabili e barche di piccolo cabotaggio impediscono la pratica di quelle tecniche che richiedono una certa distanza dalla costa per raggiungere il fondale adeguato. Nel bolentino costiero, invece, qualsiasi natante, in regola con le misure di sicurezza richieste dalla legge, può essere usato con successo e se avremo la fortuna di avere entro la distanza consentita alla nostra imbarcazione fondali più profondi, potremo applicare anche tecniche di bolentino di medio fondale. Il concetto di base di questa pesca è quello di calare sul fondo un terminale multiamo, innescato con esche adeguate ed attendere la mangiata del pesce a cui far seguire la ferrata ed il recupero della preda allamata. Apparentemente nulla di eccessivamente complicato. Ma, come ben sappiamo noi pescatori, ogni tecnica ha bisogno di piccoli accorgimenti, di piccoli trucchi e di difficili scelte che possono condizionare il risultato di una battuta di pesca e il bolentino non fa eccezione a questa regola! Inoltre, l’evolversi della tecnologia delle attrezzature da pesca, ha reso possibile praticare queste tecniche anche a profondità prima proibitive, arrivando anche a pescare su fondali che superano i 150 metri! Il bolentino, al pari della traina, può dare risultati molto appaganti se praticato nel modo giusto e nel posto giusto, facendoci catturare prede pregiate e di dimensioni, a volte, “fotografiche”!

Dove e quando
Il bolentino, come abbiamo già detto, si pratica da pochi metri dalla costa, fino agli alti fondali del mare aperto. Una superficie estesa immensa che a volte può disorientare il pescatore che non riesce a decidere su quali coordinate dirigere l’imbarcazione. Di solito il pescatore di bolentino meno esperto o il neofita, pesca a casaccio, provando un po’ qui e un po’ là senza un’idea precisa delle prede che si vogliono catturare e delle esche che più sono gradite a queste prede. Questo è un atteggiamento sbagliato e difficilmente porterà a risultati entusiasmanti. Come per le altre tecniche di pesca in mare, profondità, tipo di fondale, ora del giorno, condizioni meteo, sono di vitale importanza per tornare a casa con qualche pesce. Ma, mentre un pescatore di surf casting, deve dedurre le caratteristiche del luogo di pesca da un’indagine visiva esterna e basata sull’esperienza, il pescatore di bolentino ha due “aiutanti” validissimi: l’ecoscandaglio e la carta nautica. Questi insostituibili strumenti sono alla base di questo modo di pescare e un “bollentinista” che si rispetti deve avere in barca almeno una carta nautica della zona in cui deve pescare. Anzi, una battuta di pesca a bolentino viene prima studiata a tavolino, esaminando con attenzione la carta nautica della zona di mare interessata e cercando di individuare, in base alla stagione e alle prede che si vogliono insidiare, le poste migliori e progettare un percorso possibile tra i punti individuati, in modo che siano facilmente raggiungibili se la prima posta dovesse risultare poco redditizia. Una volta studiata la strategia, potremo andare per mare con degli obbiettivi ben precisi e non ci sarà bisogno di improvvisare o rischiare di non essere preparati adeguatamente alle prede e alle profondità che troveremo. Ma quali sono le poste migliori? E quali prede incontreremo?
L’individuazione della posta migliore e la preda che lo abita sono strettamente legate; vediamo di tracciare, in maniera generale rimandando successivamente la trattazione particolareggiata dei diversi ambienti marini, alcune corrispondenze tra morfologia del fondale e prede presenti.

Fondo roccioso
Sulle carte nautiche viene indicato con la lettera R ( r ) il fondale roccioso e con la lettera P ( p ) il fondale ghiaioso, sempre con la relativa linea battimetrica che ne indica la profondità. Se è presente ad una certa distanza dalla costa può indicare un fondale roccioso piatto, oppure se circondato da battimetriche più profonde può indicare un gradino di roccia o una secca. In questo caso ci troviamo di fronte ad una buona posta.
Questi fondali sono abitati con una certa frequenza da sparidi (Sarago maggiore, Faraone, Fasciato), da serranidi (Sciarrano, Cernia), da Scorfani rossi, Occhioni, Tanute, Murene, Gronghi, Donzelle, Tordi e altre prede minori. Sulle secche o sui gradini di roccia sono anche presenti Pagelli, pesce azzurro (Sgombri, Sugarelli, Palamite) e Boghe.

Fondo sabbioso
Sulla carta viene indicato con la lettera S ( s ) con la relativa linea battimetrica. Di solito il fondale sabbioso piatto non offre molto soprattutto a basse profondità. Su fondali profondi le cose vanno meglio e in determinati periodi può dare buone soddisfazioni.
Troveremo in questi ambienti Mormore, Triglie, Gallinelle, pesci piatti (Sogliole, Rombi, Passere, ecc.), Tracine. Su fondali profondi è possibile insidiare anche Pagelli, Razze, grossi Gronghi, squaliformi (Gattuccio).

Fondo fangoso
Sulla carta nautica sarà contrassegnato dal simbolo F ( f ) con la relativa linea battimetrica. Di solito è un fondale piatto e poco interessante a basse profondità, mentre risulta più allettante sui 70 – 100 mt.
Sono presenti Triglie di fango, Gallinelle, Gronghi, Pagelli, Merluzzi, pesci piatti.

Fondale a Poseidonia
Sulla carta nautica sarà contrassegnato dal simbolo A ( a ) con la relativa linea battimetrica. Di solito è un fondale piatto, ricoperto di alghe Poseidonia e poco profondo, sui 35 – 40 metri al massimo. Diventa una buona posta se sono presenti secche o zone di roccia.
Sono presenti soprattutto sparidi (Saraghi e Dentici), Occhiate e Boghe a mezz’acqua, pesce azzurro (Sugarelli e Sgombri).

TRABUCCO CANNA DEYLAN MAX DEEP

Splendida canna che racchiude una grande maneggevolezza e leggerezza, insieme ad una potenza in grado di combattere prede di taglia importante senza timori di rotture. Il fusto è realizzato in carbonio super alto modulo CX-1 per poter ottenere l'affidabilita' e la rigidità necessaria a gestire piombature fino a 400 grammi. ideale per la pesca in profondità con esche naturali ed esche vive, è anellata a doppio gambo in Sic per poter impiegare trecciati in bobina, e monta un vettino in fiberglass pieno per una perfetta segnalazione delle abboccate. Il porta mulinello è di tipo anatomico a scomparsa, ed è realizzato in grafite con guancia mobile in alluminio.

CARATTERISTICHE

●Struttura telescopica in carbonio CX-1 a bassa incidenza di resine
●Vettino incorporato, realizzato in fiberglass pieno
●Anelli a doppio gambo con passante in SiC
●Portamulinello in grafite con guancia mobile in acciaio
●Cappuccio salva-anelli in plastica
●Tappo inferiore in alluminio
CodiceLunghezzaIngombroC.W g.
SezioniAnelli Disponibilità
162-63-300 3.00 115 400 5 Sic DISPONIBILE

 

VISUALIZZA TUTTI I NOSTRI PRODOTTI NELLA CATEGORIA CANNE DA PESCA - BOLENTINO & LIGHT DRIFTING - TRABUCCO

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione